Regole

No studs

Non stiamo al gioco: cambiamo le regole!

I Mondiali si giocano per combattere il razzismo, il sessismo e in generale qualsiasi forma di discriminazione verso i soggetti più vulnerabili.
L’obiettivo è quello di trovare forme di gioco che possano permettere a persone molto diverse tra loro per provenienza, competenza e interessi di giocare insieme.

Regole Generali del Torneo di Calcetto:

  • Non esiste l’arbitro: le partite sono autoarbitrate dalle 2 squadre in campo. Ogni campo ha un “responsabile di campo”, che chiama le squadre, segna il punteggio e tiene il tempo. Il responsabile di campo interviene nel gioco solo se le squadre non riescono a gestire l’autoarbitraggio (questa è però un’eventualità che proviamo insieme a tenere marginale).
  • Non si possono usare le scarpe con i tacchetti da calcio. Sono consentite solo scarpe da ginnastica o da calcetto, ma non da calcio. Non valgono eccezioni: chi ha le scarpe da calcio dovrà toglierle, potrà giocare anche a piedi scalzi.
  • Il torneo prevede gironi da 6 squadre ciascuno, salvo eccezioni. Le prime due squadre del girone approdano alla fase a eliminazione diretta.
  • Si gioca in 7 e le partite durano 20 minuti.
  • Le squadre che non si presentano entro 10 minuti dall’inizio previsto della partita perdono la partita a tavolino 2 a 0.
  • Le sostituzioni sono libere.
  • La rimessa laterale viene effettuata da terra (no gol).
  • Il portiere può raccogliere con le mani tutti i retropassaggi.
  • Non esiste il fuorigioco.
  • Le squadre indossano una tenuta unitaria.
  • A fine partita due capitani devono confermare il risultato insieme al responsabile di campo, dopo avergli consegnato il pallone di gioco.
  • Dai quarti di finale tutte le partite vengono disputate ai calci di rigore.

 Alcune regole per stemperare l’agonismo e la competizione eccessiva:

  • Al primo fallo cattivo ed intenzionale di una squadra, indipendentemente se succeda in area o meno, verrà fischiato il rigore. Verrà inoltre chiesto alla squadra di sostituire il calciatore responsabile del fallo.
  • Al secondo fallo cattivo ed intenzionale di una squadra, indipendentemente   dal giocatore che lo commette, verrà decretata la vittoria a tavolino della       squadra avversaria.
  • Se una partita viene interpretata in modo eccessivamente competitivo dalle due squadre in gioco, entrambe le squadre perderanno l‘incontro.
  • Se una squadra perde due partite a tavolino per comportamento antisportivo, verrà sospesa dal torneo.
  • Se la partita diventa tesa e ci sono proteste il responsabile di campo può stoppare la partita ed esortare le squadre ad un gioco più in linea con i valori dei Mondiali Antirazzisti. Il responsabile di campo può anche allontanare dal campo dei giocatori che si stanno dimostrando troppo nervosi o agitati chiedendone la sostituzione.
  • Non sono previste espulsioni, ma solo sostituzioni forzate. Alla seconda sostituzione forzata la squadra perde la partita a tavolino.
  • Ogni regola può venire ridefinita e riscritta se le due squadre, di comune accordo e seguendo lo spirito dei Mondiali, comunicando il cambiamento al responsabile di campo prima o durante il gioco.
  • Se una squadra è nettamente inferiore alla squadra avversaria sotto il profilo del gioco, quando perde con 2 gol di scarto può aggiungere un giocatore in campo (aiuta a tenere viva la partita per entrambe le squadre, aiutando le formazioni meno agonistico-competitive).
  • Ogni squadra può proporre la regola del Vagante. Il Vagante è una persona che, per disabilità fisica o motoria, oppure per precoce età, non è del tutto consapevole delle dinamiche del gioco e può giocare per una squadra senza essere contata nel numero dei giocatori. Questa persona, se riceve la palla, non può essere pressata.

Inoltre verranno assegnati tre punti extra per il torneo di calcetto a tutte le squadre che portano alla nostra Piazza Antirazzista un manifesto o altri materiali (possibilmente bilingue) che documentino il carattere e le attività contro il razzismo e il sessismo della propria squadra. Questi punti sono cumulativi con quelli ottenuti sul campo per la classifica all’interno dei gironi.

Affinché siano considerati valutabili per l’assegnazione dei 3 punti extra, i materiali devono essere consegnati ai volontari responsabili della piazza entro venerdì alle ore 18:00, i quali vi faranno firmare un registro apposito.

Il giovedì alle ore 15.00, sui campi del torneo, si brinda per celebrare l’inizio di una nuova edizione. Ė il momento in cui i partecipanti, o almeno alcuni delegati, potranno presentare la propria squadra alle altre componenti del girone e conoscere le storie dei propri compagni di torneo.

Il nostro torneo non è competitivo! La priorità non va al risultato, bensì allo spirito della manifestazione.

Ad inizio partita, le squadre sono invitate a presentarsi e scambiare eventuali gadget di benvenuto. In questo momento le due squadre, se vogliono, si possono  accordare per proporre modifiche alle regole.

A fine partita, due “capitani” dovranno recarsi a centro campo e confermare la correttezza del risultato insieme al responsabile di campo, specificando i nomi delle squadre così come presenti sul calendario. Affinché il risultato venga convalidato, è necessario che il pallone da gioco sia stato restituito nelle mani del responsabile di campo.

Recuperi: ai Mondiali non è il risultato che conta, di conseguenza siamo flessibili verso il recupero delle partite non giocate, ma solo se lo svolgimento non compromette l’organizzazione del torneo. I recuperi possono essere giocati, quando entrambe le squadre sono d’accordo, solo se rispettano i seguenti criteri:

Le partite devono essere concluse, e i risultati consegnati all’ufficio campi, entro le ore 13:00 del sabato.

  • I recuperi possono essere giocati durante gli orari ufficiali del torneo se le squadre trovano un campo disponibile. Il responsabile di campo può seguire l’incontro, ma è compito delle squadre specificare di quale recupero si tratti e portare il risultato all’ufficio campi.
  • I recuperi possono essere giocati al di fuori degli orari ufficiali del torneo, ma senza l’ausilio del responsabile di campo e non oltre le ore 13:00 di sabato.
  • I risultati consegnati oltre le ore 13:00 di sabato non verranno considerati validi.

Siamo tutte e tutti responsabili della buona riuscita della manifestazione. Ricordatevi di diffondere queste informazioni a tutti i giocatori e le giocatrici del vostro gruppo!