Regole

No studs

I Mondiali Antirazzisti sono un torneo NON competitivo!

Non stiamo al gioco: cambiamo le regole!

I Mondiali si giocano per combattere il razzismo! Verranno assegnati tre punti extra per il torneo di calcetto a tutte le squadre che portano alla nostra Piazza Antirazzista un manifesto o altri materiali (possibilmente bilingue) che documentino il carattere e le attività contro il razzismo e il sessismo della propria squadra.

Affinché siano considerati valutabili per l’assegnazione dei 3 punti extra, i materiali devono essere consegnati ai volontari responsabili della piazza entro venerdì alle ore 18:00, i quali vi faranno firmare un registro apposito.

Il giovedì alle ore 15.00, sui campi del torneo, si brinda per celebrare l’inizio di una nuova edizione. Ė il momento in cui i partecipanti, o almeno alcuni delegati, potranno presentare la propria squadra alle altre componenti del girone e conoscere le storie dei propri compagni di avventura.

Il nostro torneo non è competitivo, quindi la priorità non va al risultato, bensì allo spirito della manifestazione.

Non esiste l’arbitro. Chiediamo alle squadre di provvedere all’autogestione della partita, mentre il nostro “responsabile di campo” segna solo il tempo ed i goal. Interviene, invece, in caso di gioco troppo competitivo e per comportamenti offensivi razzisti o sessisti.

Ad inizio partita, le squadre sono invitate a presentarsi e scambiare eventuali gadget di benvenuto. A fine partita, due “capitani” dovranno recarsi a centro campo e confermare la correttezza del risultato insieme al responsabile di campo, specificando i nomi delle squadre così come presenti sul calendario. Affinché il risultato venga convalidato, è necessario che il pallone da gioco sia stato restituito nelle mani del responsabile di campo.

Recuperi: ai Mondiali non è il risultato che conta, di conseguenza siamo flessibili verso il recupero delle partite non giocate, ma solo se lo svolgimento non compromette l’organizzazione del torneo. I recuperi possono essere giocati, quando entrambe le squadre sono d’accordo, solo se rispettano i seguenti criteri:

  • Le partite devono essere concluse, e i risultati consegnati all’ufficio campi, entro le ore 13:00 del sabato.
  • I recuperi possono essere giocati durante gli orari ufficiali del torneo se le squadre trovano un campo disponibile. Il responsabile di campo può seguire l’incontro, ma è compito delle squadre specificare di quale recupero si tratti e portare il risultato all’ufficio campi.
  • I recuperi possono essere giocati al di fuori degli orari ufficiali del torneo, ma senza l’ausilio del responsabile di campo e non oltre le ore 13:00 di sabato.

Risultati consegnati oltre le ore 13:00 di sabato non verranno considerati validi.

Sono ammesse esclusivamente scarpe da ginnastica/calcetto, cioè senza tacchetti!

Se un giocatore indossa scarpe con tacchetti, deve cambiarle con scarpe adatte, oppure toglierle. Non sono ammesse eccezioni!

studs

Alcune regole generali:

  • il torneo prevede gironi da 6 squadre ciascuno, salvo eccezioni.
  • Si gioca in 7.
  • Partite da 2×10 = 20 minuti.
  • Le squadre che non si presentano entro 10 minuti dall’inizio previsto della partita – o che non sono in condizioni numeriche per giocare, perdono la partita a tavolino 0:2.
  • Le sostituzioni sono libere.
  • La rimessa laterale viene effettuata da terra (no goal).
  • Il portiere può raccogliere con le mani i retropassaggi.
  • Non esiste off-side.
  • Le squadre indossano una tenuta unitaria.
  • A fine partita due capitani devono confermare il risultato insieme al responsabile di campo, dopo avergli consegnato il pallone di gioco.
  • dai quarti di finale tutte le partite vengono disputate ai rigori.

 Alcune regole per scoraggiare il gioco violento:

  • Al primo fallo cattivo ed intenzionale di una squadra, indipendentemente se succeda in area o meno, verrà fischiato il rigore.
  • Al secondo fallo cattivo ed intenzionale di una squadra, indipendentemente dal giocatore che lo commette, verrà decretata la vittoria a tavolino della squadra avversaria.
  • Se una partita viene interpretata in modo eccessivamente competitivo dalle due squadre in gioco, entrambe le squadre perderanno l‘incontro.
  • Se una squadra perde due partite a tavolino per comportamento antisportivo, verrà sospesa dal torneo.

Negli ultimi due anni queste regole hanno dato buon esito, contribuendo a distendere e rendere più amichevole il clima sui campi da gioco.

Ricordatevi di diffondere queste informazioni a tutti i giocatori e le giocatrici del vostro gruppo!