Basket

A. Fratoni - Shoot4Change

Erano passati 7 anni dall’inizio dei Mondiali, quando un gruppo di ultras del basket italiani propose l’istituzione di un piccolo torneo di basket antirazzista. Dal 2004 il torneo è continuato a crescere fin ad arrivare ad avere 30 squadre che in una giornata si contendono il trofeo fra canestri, birre, cori e tanta allegria.

Assolutamente non competitivo, viene incoraggiata la partecipazione femminile e di chiunque voglia provare a confrontarsi con un canestro. Non bisogna essere campioni dell’NBA, non bisogna essere alti oltre 2 metri. L’unica cosa che conta è la passione, la voglia di stare insieme e di divertirsi mentre ai campi a fianco il torneo di pallavolo prosegue la sua corsa, come pure quello di calcio pochi centinai di metri più in là.

Leggete attentamente le regole del torneo.