Los Fastidios

 

 *** Giovedì 6 luglio Live in Mondiali ***

Everybody needs, everybody loves, everybody wants the sound of revolution

I Los Fastidios suonano un rock “fastidioso”, ovvero una miscela vincente di sonorità stradaiole a noi da sempre care, dallo streetpunk allo ska, dall’oi! allo rocksteady/reggae, dal rock’n’roll al punk melodico fino allo street soul.
Vi ricordate che il singolo FOOTBALL IS COMING venne scelto come inno ufficiale dei Mondiali Antirazzisti 2013 vincendo il concorso per bands indipendenti indetto da UISP e MEI?
Riascoltatelo

Noi li abbiamo intervistati per conoscere meglio la band e i loro ideali

Perché avete cominciato a suonare?
Era il 1991 e avevamo voglia di dire qualcosa, di fare divertire la gente e la musica ha il potere di esprimere entrambe queste cose. Il nostro album del 2017 “The sound of the revolution” riassume ciò che per noi è la musica: divertimento, memoria, rabbia, salvezza. Ho dedicato tutta la mia vita alla musica, sono a capo della nostra casa discografica e credo nel fatto che la musica debba essere indipendente (senza intromissioni di multinazionali). È per questo che ho creato la nostra etichetta, proprio per dare voce a tutte le band che volevano esprimersi.

Quale potrebbe essere la canzone che dedichereste ai Mondiali?
Direi The sound of revolution, riassume tanti concetti: l’unione, la libertà, il rifiuto e la lotta contro le diseguaglianze.

Voi siete ormai una band storica dei Mondiali. Cosa vi ha portato a suonare qui?
I Mondiali riassumono perfettamente ciò che esprimiamo nella nostra musica: lo sport e la musica rendono liberi. I Mondiali sono questo, li amiamo e sosteniamo da sempre, è uno dei più bei momenti dell’anno. Ne parliamo sempre anche sempre all’estero, non è solo un festival ma è anche di più.

Qual è il ricordo più bello che avete ai Mondiali?
Ritornare ai Mondiali è sempre bellissimo, si ritrovano amici vecchi e nuovi. Il ricordo più bello? Forse la prima volta che abbiamo suonato, eravamo ancora a Montecchio, in quell’ arena naturale. È stato qualcosa di fulminante, portare la nostra musica, il nostro messaggio e vedere quella partecipazione è stato stupendo.

Che messaggio vorreste lasciare ai Mondiali Antirazzisti?
Lunga vita ai Mondiali perché l’Italia ha bisogno di loro. In bocca al lupo anche a tutte le iniziative che sono nate dai Mondiali, lunga vita anche a loro!

Facebook: www.facebook.com/losfastidios/