Journey on

prog_eccar

“Mondiali Antirazzisti Journey on” è un progetto della UISP Emilia Romagna’s finanziato dal programma internazionale “Fostering inclusion and combating racism and discriminations through sports” promosso da ECCAR (European Coalition of Cities Against Racism).

L’obiettivo principale è quello di promuovere l’inclusione sociale per i giovani europei, le nuove generazioni di migranti, rifugiati e richiedenti asilo, di promuovere il dialogo interculturale, l’incontro e lo scambio, attraverso la creazione di spazi, momenti e opportunità per una partecipazione attiva allo sport e alle iniziative di sensibilizzazione in merito alla multiculturalità.

Questo progetto intende creare un filo che parte del nord Europa e raggiunga il sud, in quelle città da sempre coinvolte in azioni di inclusione sociale

Tra i risultati attesi ci sono la realizzazione di 6 eventi locali organizzati da associazioni in grado di mobilitare un ampia rete locale. Gli eventi saranno diversi gli uni dagli altri, rispettando la diversità del contesto, i problemi locali, la missione delle organizzazioni. L’obiettivo è la partecipazione di quei gruppi spesso esclusi: rifugiati/migranti, comunità LGBT, persone Rom, persone con disabilità (in particolare malattie mentali), avendo sempre come scopo principale le pari opportunità tra donne e uomini. Questi eventi mirano ad avere un grande impatto sulle città, utilizzando l’esperienza e le metodologie testate nei Mondiali Antirazzisti.

Attività

Sarà possibile organizzare un torneo di calcio con le regole adottate dai Mondiali Antirazzisti (partite senza arbitro – incoraggiando la partecipazione mista delle squadre – punteggio extra per fair play – organizzazione del terzo tempo) o anche l’organizzazione di dibattiti pubblici che coinvolgono le autorità locali sull’importanza di sport per tutti come strumento di inclusione sociale.L’organizzazione di questi eventi prevede, nelle città selezionate, la collaborazione con associazioni locali che lavorano su politiche antidiscriminatorie e con cooperative sociali impegnate nel campo malattie psichiche e fisiche, associazioni di migranti, circoli sportivi di rifugiati, centri di accoglienza. Per incoraggiare la partecipazione delle città associate a ECCAR, sono state selezionato quelle da cui provengono alcuni dei team che di solito prendono parte ai Mondiali Antirazzisti: 

Cosa è ECCAR

logo-eccarLa Coalizione delle città contro il razzismo è un’iniziativa lanciata dall’UNESCO nel 2004 per creare una rete di città interessate a condividere esperienze al fine di migliorare le loro politiche per combattere il razzismo, la discriminazione e la xenofobia. L’appartenenza alla Coalizione è limitata alle città e ai governi distrettuali dei paesi europei con un consiglio comunale eletto democraticamente, che sostiene gli scopi dell’Associazione. Tra gli obiettivi principali: combattere ogni forma di razzismo e discriminazione a livello comunale e dare così un contributo alla salvaguardia e alla promozione dei diritti umani e del rispetto delle diversità in Europa.Negli ultimi anni, Eccar ha rivolto una particolare attenzione allo sport come potente strumento per combattere ogni forma di discriminazione, e in questo senso ha promosso questo programma e una conferenza a Liegi, dove abbiamo presentato i Mondiali Antirazzisti e questo specifico progetto.